Attività

“Mesi di Libera Terra” è un'inizitativa nata in seno al coordinamento spezzino di Libera e resa possibile grazie all’impegno dei presidi “Dario Capolicchio” di Sarzana e “Antonino Agostino e Ida Castelluccio” di La Spezia. “Mesi di Libera Terra” è finalizzata alla sensibilizzazione della cittadinanza sul riutilizzo dei beni confiscati alla criminalità organizzata. Negli appuntamenti vengono allestiti dei banchetti informativi di Libera dove sarà possibile trovare iprodotti della filiera di Libera Terra

21 Aprile 2015

Sala Consiliare della Provincia della Spezia 

 

"Life is sweet" è il titolo del primo Raduno regionale dei giovani di Libera Liguria che si è tenuto dal 26 al 28 luglio 2015 presso l'Istituto Parentucelli - Arzelà di Sarzana, una tre giorni di formazione, impegno, confronto ma anche di divertimento e condivisione. Oltre 80 giovani attivisti di Libera provenienti da tutta la regione hanno avuto la possibilità di ritrovarsi e confrontarsi  con i responsabili dei coordinamenti provinciali di Libera sui temi centrali dell’attività dell’associazione. 

Non solo incontri e formazione. Il Raduno dei giovani di Libera ha ospitato anche due iniziative serali aperte a tutta la cittadinanza il cui ricavato è stato destinato a finanziare le attività di Libera nel territorio: Domenica 26 luglio “Note di legalità” presso Arci Bradia con il concerto a cura dell’Accademia Bianchi di Sarzana e gli Ondalibera, stand gastronomico di sgabei e vino di Libera Terra; Lunedì 27 luglio 2015 alle ore 21.00: “AnimiAmo Sarzana” presso Piazza De Andrè (Sarzana), una serata di animazione a cura dell’associazione L’égalité con artisti di strada, giochi e sorprese dal Quarto piano, progetto di riutilizzo sociale del bene confiscato alla criminalità organizzata di Via Landinelli.

 

 

Video

 

Rassegna stampa

Con i banchetti di sabato 14 e domenica 15 marzo si è conclusa l’iniziativa “I mesi di Libera Terra”: tra febbraio e marzo le mozzarelle di bufala della Cooperativa “Le Terre di Don Peppe Diana” e learance della Cooperativa “Beppe Montana” sono giunte fino a La Spezia e Sarzana per finanziare i progetti di riutilizzo sociale che verranno attuati nei beni confiscati delle provincia in seguito ai bandi pubblici di assegnazione.
In base ai prodotti venduti e alle spese avute, abbiamo ricavato 560€ che andranno tutti devoluti per i progetti di riutilizzo sociale: non poco per un'iniziativa che si è svolta in così breve tempo e in condizioni climatiche avverse!